immag sito

.exnovo alla XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano

Torna a Milano, dopo vent’anni, l’Esposizione Internazionale della Triennale di Milano. Dal 2 Aprile al 12 Settembre 2016 si svolgerà infatti la XXI Triennale, dal titolo 21st Century. Design after Design , che mira a indagare il mondo del design in tutte le sue forme per decodificare il nuovo millennio. Il progetto e la sempre maggiore trasversalità della progettazione saranno il tema centrale di questa Triennale “diffusa”, che coinvolge con varie sedi e diverse mostre tutta la città di Milano.

Anche alcune delle creazioni di .exnovo, daranno il loro contributo all’Esposizione, in particolare per quanto riguarda:

NEW CRAFT (Fabbrica del Vapore, 2 aprile – 12 settembre 2016)

Curata da Stefano Micelli, la mostra vuole rappresentare l’incontro virtuoso fra il saper fare artigiano, l’innovazione tecnologica e la cultura del progetto. Non solo prodotti saranno esposti, ma anche processi: a fianco di oggetti e installazioni, prende forma un laboratorio distribuito capace di dare vita a manufatti straordinari. Al centro dello spazio, troverà posto un grande tavolo da lavoro a forma di X, su cui saranno esposti i cestini CRIU di Alessandro Zambelli, la serie di oggetti BOLLE di Selvaggia Armani e su cui saranno sospese la lampada BIG LOUIE di David Nosanchuk e un’installazione di PLUNE disegnate da Franz Canins.

Nella lavata laterale, saranno presenti inoltre le lampade RHIZARIA disegnate dallo studio Lanzavecchia+Wai.

W. Women in design (Triennale Design Museum, 2 aprile – 19 febbraio 2017)

La nona edizione del Triennale Design Museum, a cura di Silvana Annicchiarico, decide di osservare il design alla luce di uno dei nodi più discussi, quello del genere, e di tracciare una nuova storia del design italiano al femminile. Come un fiume che scorre e attraversa tutto il Novecento, l’esposizione al museo segue un ordine cronologico dai primi del Novecento fino ad oggi, dove troveranno collocazione la lampada da terra Rhizaria, disegnata per noi dalla designer Francesca Lanzavecchia, e le lampade a sospensione Cora e Lea, espressioni dai tratti decisamente femminili che Serena Confalonieri ha disegnato per noi.